L’energia del vento è detta “eolica” dal nome di Eolo, re dei venti, secondo la mitologia greca, così come raccontato nell’Odissea. Il vento è causato dal fatto che masse di aria con diversa temperatura si spostano da una posizione ad un’altra causando il fenomeno del vento. Quando uso un “ventilatore” tre eliche in movimento determinano lo stesso uno spostamento di aria e tale movimento di aria ci porta freschezza e sollievo, facilitando l’evaporazione del sudore sulla pelle e potando sollievo.

Tutorial - Il vento Termico - Kiteadvisor kitesurf from kiters to kiters

In natura, invece, l’aria si sposta a causa della sua temperatura: l’aria calda, riscaldata dal sole si fa più leggera, meno densa, e così tende a salire verso l’alto. Anche l’aria calda che esce dalla fiamma sulla cucina tende a salire e se accendo un fuoco vedo le faville volare in alto a causa dell’aria molto calda che sale rapidamente. Quindi, se l’aria riscaldata dal sole sulle spiagge tende a salire verso l’alto chi prende il suo posto più in basso? Proprio l’aria fredda, presente più nell’entro terra oppure in mare aperto, che scivola verso il mare provocando la brezza.

A seconda dell’ora del giorno, del meteo, della posizione ci sono vari movimenti delle masse d’aria, alcuni caratteristici di certi luoghi altri di certe stagioni o di certe ore della giornata.

Questa sotto è la “rosa dei venti” e ci dice il nome ed il tipo dei venti più famosi.

  • Tramontana (da Nord) è un vento molto freddo che di solito porta tempo asciutto, cielo sereno e visibilità ottima.
  • Grecale (da Nord-Est) è un vento freddo e intenso caratteristico della stagione fredda
  • Levante (da Est) è un vento che, come dice il nome, spira da Est ed è tipicamente estivo.
  • Scirocco (da Sud-Est) è  un vento che proviene dal continente africano per cui risulta essere molto caldo e secco.
  • Mezzogiorno – Ostro (da Sud) è un vento meridionale debolissimo che ha un azione scarsamente sentita nei mari italiani.
  • Libeccio (da Sud-Ovest) è un vento umido, molto violento che proviene da Sud Ovest.
  • Ponente (da Ovest) è un vento che, come dice il nome, spira da Ovest ed è tipicamente estivo.
  • Maestrale (da Nord-Ovest) è uno dei venti più intensi che interessano l’Italia.

 

Alcuni venti sono molto forti e distruttivi come quelli dei temporali, tempeste, tornado e trombe d’aria, altri sono lenti e costanti. In ogni caso per spostare queste masse d’aria ci vuole energia e tale energia proviene da quella solare, dai raggi del sole che scaldano l’aria. Poi l’aria si mescola ed il caldo viene distribuito in modo calmo o violento. Se non ci fossero i raggi del sole questa terra sarebbe molto fredda. Se non ci fosse l’aria che si mantiene calda e trattiene l’energia del sole, la vegetazione e la vita non sopravviverebbe.

Quindi il vento possiede energia, e tale energia è quella con cui si spostano le masse d’aria. Possiamo sfruttare questa energia perché sia utile all’uomo? Si può prelevare un po’ di tale energia per irrigare i campi o essere utile agli allevamenti, oppure spostare persone e merci da un posto ad un altro?

Si, da sempre l’uomo preleva l’energia del vento: per esempio gli antichi mulini servivano a macinare il grano, i cui scarti servivano per nutrire il bestiame e la farina a fare il pane. Ma il vento viene da sempre usato per mettere in movimento le barche, le navi che trasportano cibo in zone in cui non ce ne è, o merci, indumenti e persone. Lo strumento che usano le barche per sfruttare l’energia del vento e far muovere la barca è la vela e l’albero delle vele.

Navigare in barca a vela o a motore in Grecia

Oggi si usano le torri eoliche che prendono l’energia del vento e ottengono energia elettrica. Con l’elettricità posso mettere in funzione qualunque macchinario.

 

https://www.youtube.com/watch?v=WyIW2Y2gH2A

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.