Come si produce il vino.

Il vino è una bevanda che si ottiene è dal succo dell’uva.

Risultati immagini per produzione del vino

  1. Vendemmia. Quando l’uva è matura viene raccolta dalle piante e trasportata in cassette.
  2. L’uva matura viene inserita in una macchina che tritura i grappoli ed i raspi. Il raspo contiene delle sostanze che danno un gusto amaro alla bevanda per cui a seconda del tipo di vino che vogliamo ottenere possiamo eliminarne una quantità più o meno elevata, tuttavia il raspo dona al vino una certa corposità ed un gusto particolare grazie ai tannini che sono contenuti anche nella buccia e nei semi (vinaccioli) dell’acino d’uva (oltre che nella parte legnosa del grappolo, il raspo).
  3. Vinificazione. Il succo dopo la triturazione è molto dolce e viene detto mosto. Dopo che i grappoli  sono stati pigiati e sono stati tolti i raspi,  il miscuglio viene raccolto all’interno di grossi contenitori e fatto fermentare. La fermentazione può durare qualche giorno o fino anche a 10 – 15 giorni. Per alcuni vini, invece,  non si lascia che raspi, bucce e semi donino sapori e sostanze al vino e viene effettuato immediatamente l’estrazione del succo.
  4. Svinatura. Dopo il periodo di fermentazione questo misto di  succo, acini di uva e raspi viene messo nel torchio e viene premuto; il succo che si ottiene è molto dolce e viene raccolto all’interno di botti o damigiane perché continui la fermentazione (fermentazione lenta). Le vinacce, cioè il residuo di acini e raspi, viene mandato in distilleria per ottenere dei prodotti alcolici come la grappa. La fermentazione lenta comporta diverse trasformazioni chimiche durante le quali l’acidità del vino si abbassa, il colore cambia e varia la gradazione alcolica. Dopo un periodo più o meno lungo si effettua una seconda svinatura, cioè un travaso che di solito viene effettuato all’inizio di novembre  (a San Martino ogni mosto e vino). Il vino giovane viene travasato in cisterne o damigiane per continuare la maturazione per altri 2 o 3 mesi e ad ogni svinatura, cioè ad ogni travaso, nel contenitore originale rimane la feccia cioè i depositi di sostanze insolubili presenti nel vino che vengono messi da parte.
  5. Invecchiamento. Quando il vino è maturo esso viene destinato all’invecchiamento in botti di legno oppure  al consumo. L’invecchiamento può durare anche alcuni anni e comporta alcune trasformazioni chimiche o fisiche del vino il quale assume anche un sapore più armonico. Durante la fermentazione gli zuccheri vengono tramutati in alcol e l’alcol protegge il vino dal perdersi. Al termine della fermentazione tutti gli zuccheri si sono trasformati e la gradazione alcolica raggiunge valori intorno ai 11- 13°. Quando la gradazione è più alta si parla di vino liquoroso. Per gradazione oltre ai 17 – 18° si hanno i liquori.

Risultati immagini per produzione del vino

Risultati immagini per produzione del vino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.