La coltura della vite.

La vite è una coltura che è sempre interessata all’uomo perché dal suo frutto si ricava il vino. La vite è una pianta “lianosa” cioè simile alle Liane e pertanto ha bisogno di un sostegno per crescere, esporre le foglie alla luce del sole, lasciare i grappoli pendere liberi.

La moltiplicazione della vite.

La moltiplicazione della vite si fa con innesto sulla “Vite americana” che è una varietà della pianta dal frutto non coltivato ma dotata di resistenza all’insetto della Filossera che rovina foglie e radici della vite nostrana.

Si raccolgono le Talee della vite (rametti di 30-50 cm) nel periodo invernale, quando la pianta riposa, e si innestano sulle piantine di vite americana. queste piantine si mettono nel terreno in ambiente caldo, umido e oscuro e dopo 20 giorni vengono trapiantate in un vivaio a temperatura controllata, dove restano fino all’inverno successivo quando vengono poi messe a dimora definitiva sempre prima del “risveglio vegetativo”.

http://oryctesblog.blogspot.it/2014/03/orto-antico-mini-guida-fotografica-come.html

La potatura di produzione della vite.

E’ il procedimento che consiste nell’asportare i tralci che hanno avuto il frutto e lasciare quelli nuovi che vengono accorciati fino ad avere un paio di gemme.  Le piante disposte in file, devono essere separate da circa 1 metro di spazio e le file devono essere lontane tra loro di una misura pari all’altezza dei filari di piante.

Raccolta dell’uva.

La fase di raccolta  dell’uva è detta vendemmia, ed anch’essa avviene con i macchinari. LA vendemmiatrice è una macchina che scuote il grappolo facendo cadere gli acini con la vibrazione. Le macchine avanzano lungo il filare e raccolgono tutti gli acini in un contenitore.  A seconda di come sono disposte le piante lo scuotimento può essere verticale od orizzontale.

Risultati immagini per vendemmiatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.